le conversazioni sono il futuro

Le domande non sono il problema. Le domande sono una parte importante per stabilire una conversazione. Ciò che è fondamentale nelle vendite e che sta creando significativi cambiamenti, sono le conversazioni ad alto impatto con i clienti. Quelle conversazioni sono uno scambio di informazioni, idee, opinioni e punti di vista. E ‘attraverso le conversazioni che ci connettiamo e coinvolgiamo i nostri clienti, (e altri). Durante una riunione di team, non pensiamo al mix di domande da porre, pensiamo allo scopo della riunione, la discussione che dobbiamo affrontare, e come raggiungere il nostro obiettivo. Allora perché non trattiamo la richiesta del cliente in modo diverso? Perché non ci siamo concentrati sulla qualità della conversazione? Perché non guardiamo al modo in cui coinvolgere il cliente nel parlare di qualcosa di significativo nel raggiungimento dei loro obiettivi? Perché non cominciare a pensare alla conversazione e non solo le domande. Le conversazioni sono piene di ogni sorta di cose: sono...
Continua a leggere...


google currents

Google lancia currents un’app che permette di sfogliare i contenuti desiderati, dai blog ai magazine sfogliabili, consentendo anche di seguire i trends del momento ossia gli articoli più letti e più condivisi. Una mossa importante ed intelligente che rafforza il ruolo degli utenti come selettori delle notizie e delle informazioni, ovviamente tutto questo ha dei risvolti importanti sull’indicizzazione e sulle stories a pagamento. Big G come sempre è molto attenta e prolifica sul tema dell’informazione on line, un settore in cui gli investimenti (anche in Italia) sono in costante crescita, e che seguono di pari passo le vendite di tablet e smartphone....
Continua a leggere...


frontiere digitali dell’informazione

Mercoledì 19 ottobre sarò alla feltrinelli di Caserta per questo incontro sui nuovi media e il giornalismo, di seguito il programma. L’innovazione tecnologica nei modelli di pubblicazione e fruizione dell’informazione – Enriched news: sul web scorre un flusso ininterrotto di notizie che spesso provoca un sovraccarico informativo difficilmente gestibile. D’altra parte, il quotidiano cartaceo non riesce sempre a soddisfare di chi cerca completezza, coerenza e oggettività dell’informazione. Inchieste e reportage crossmediali – ricchi di testimonianze e contributi audio-video – possono costituire la terza via tra carta e web. – Social readers: non solo attraverso Twitter e Facebook, ma anche grazie a molti servizi web e applicazioni oggi il lettore può interagire con la redazione e commentare tutto quello che legge. La selezione, aggregazione e proposta di contenuti rilevanti per le persone di una community si sta rivelando una delle strategie vincenti per sviluppare un rapporto continuativo con i lettori, creare...
Continua a leggere...


Condividere per creare

Condividere le competenze e da qui far nascere nuovi modi di intendere i processi creativi con una maggiore apertura e soprattutto con l’ incontro di professionalità diverse che portano alla nascita di concept innovativi frutto di esperienze diverse. Il futuro della comunicazione sembra risiedere in questi nuovi processi di co-creazione e crowdsourcing. Prima di tutto il web che diventa luogo d’incontro con professionisti del marketing che si confrontano con nuove opportunità e creano community Contaminazioni Positive ma anche spazi e temporary office come Hub Multiverso a Firenze il cui scopo è quello di lavorare facendo co-working e scambiandosi le competenze. Anche i brand guardano positivamente alla co-creation con contest per nuove campagne social e virali che interessano i brand lover e che vedono la partecipazione non solo di amanti della comunicazione ma anche di professionisti che voglio arricchire il proprio portfolio. La relazione gioca un ruolo fondamentale e le idee,...
Continua a leggere...