Lo storytelling: il caso degli esseri umani

Un’ idea molto semplice: scattate una foto di qualcuno per strada, e raccontate una storia autentica di vita quotidiana. L’ idea nasce da humansofnewyork, la pagina di Facebook creata da Brandon Stanton nel 2010. Da allora, ” Gli esseri umani” di tutto il mondo spuntano on-line. Ogni raccolta accoglie di più di 50.000 foto, e “Gli esseri umani di “Roma, Amsterdam, Karachi, Teheran e l’India sono i principali esempi di siti sul modello HONY; la maggior parte dei siti di mostra il lavoro di fotografi emergenti, che documentano le loro città natali .

“Gli esseri umani di New York mi ha ispirato, dandomi il coraggio di fare una cosa che ho sempre voluto fare, mi ha fatto pensare: “se qualcuno ha fatto, che significa che è possibile”, ha detto Marco Massa fondatore di Gli esseri umani diRoma Umani che fotografa tutte le immagini presenti sulla pagina; Debra Barraud, fondatrice degli esseri umani di Amsterdam, si ispira anche gli altri siti di “esseri umani di…”, ma cerca di aggiungere il suo ” stile di fotografia per ogni progetto.

Grazie a Facebook, le pagine ” esseri umani di… ” sono ora parte di una comunità fotografica in crescita con sempre maggiori seguaci. Facebook è la piattaforma principale per le pagine ” gli esseri umani di… “, anche se alcuni movimenti, tra cui anche HONY e gli Umani di Teheran hanno anche siti web dedicati; Shirin Barghi, il fondatore di “esseri umani di Teheran”, descrive Facebook come strumento di base per un impegno globale: “Credo che Facebook abbia reso il processo di creazione e distribuzione dei contenuti molto più gestibile, portando gli utenti all’interno e all’esterno dell’Iran nello stesso luogo di confronto. E’ emozionante vedere Teheran interagire con altre città in tutto il mondo” ha dichiarato Barghi.

Facebook e Twitter sono censurati in Iran, ma la comunità locale online riesce ancora ad accedere ai siti di social attraverso la tecnologia VPN o altri strumenti di reindirizzamento server al di fuori del paese. Gli esseri umani di Teheran ha oggi più di 70.000 piace su Facebook, e Barghi ha dichiarato che il traguardo della pagina è quello di presentare “narrazioni sul territorio” per costruire un nuovo vocabolario visivo attraverso il quale il mondo può comunicare e connettersi con gli iraniani, che sono stati politicamente, e in molti altri modi, isolati negli ultimi anni.

In Iran e in Pakistan , i fotografi incontrano maggiori difficoltà a causa di norme sociali e religiose conservatrici dei paesi, Khaula Jamil, fondatore di “esseri umani di Karachi in Pakistan”, ha dichiarato che le donne sono più riluttanti a farsi fotografare da membri maschi della famiglia che possono essere protettivi e di diffidare di estranei che parlano a loro. Jamil aggiunto inoltre che in Pakistan i media hanno una reputazione negativa per l’invadenza la privacy delle persone; “Il pubblico pakistano generalmente evita di tutto ciò che riguarda i media soprattutto perché il giornalismo è stato causa di abusi da parte di alcune persone non con un utilizzo non molto etico per fare business.

Megha Majumder, fondatore di” esseri umani dell’India”, ha sottolineato l’importanza di relazionarsi con le persone nelle fotografie, “c’è questa parola di cui mi sono innamorata tempo fa: Sonder. E’ la consapevolezza che ogni passante casuale è il simbolo del vivere una vita che è così vivida ed intricata come la tua, con i propri pensieri, i sentimenti e le emozioni, anche tu per loro sei solo una figura che passa per strada, da quel punto in poi tutte le persone non erano più semplicemente estranei.

Quando a Stanton è stato chiesto degli altri siti “esseri umani di ” il fondatore ha risposto che lo aiuta a prestare maggiore attenzione alla proprie fotografie: “Penso che la cosa migliore che posso fare è quella di concentrarmi sul mio lavoro e concentrarmi sul come migliorare la mia fotografia.