Quanto Costa Facebook?

Spesso piccoli imprenditori e professionisti si chiedono perché investire in una campagna facebook, e quasi sempre sono riluttanti a cominciare.

La falsa convinzione che basti gestire bene la propria pagina facebook per acquisire nuovi clienti, è diventata ormai un mantra per coloro che si occupano (?) di social media marketing, e ne sono sempre più convinti anche tanti imprenditori che sono riluttanti a pagare per promuoversi, affidandosi ad un’agenzia o ad un consulente che nemmeno vogliono pagare.

Quanto costa una campagna su Facebook?

Questa è una delle domande che spesso si sente pronunciare da un professionista o da un piccolo imprenditore ed è il motivo per il quale la maggior parte di loro sceglie di non investire in annunci Facebook: si paga.

Volendo fare un passo indietro quello che non è ancora chiaro è che quando si posta un contenuto sulla propria pagina o quella della propria attività in realtà si sta parlando ad una cerchia ristretta di utenti che sono coloro che poi hanno visualizzato il contenuto, ma sopratutto solo a quelli che sono fan della pagina in primis ed a quelli che lo visualizzano a seguito di una condivisione ad esempio.

Per poter raggiungere il resto degli utenti, che non è ancora fan della pagina, occorre utilizzare le campagne sponsorizzate, che molti considerano un investimento superfluo data la possibilità di poter pubblicare gratuitamente attraverso la pagina. La pubblicità ha sempre sofferto di questo problema, nella precedente epoca pubblicitaria, ovvero quando si faceva uso della carta stampata e della cartellonistica, gli investimenti in comunicazione erano ritenuti per le piccole aziende qualcosa di superfluo, pagare per qualcosa di immateriale era quasi uno spreco di soldi, lo è tutt’ora.
Lo stesso ragionamento è stato tradotto nell’era digitale, in cui già si fa molta fatica a capire il lavoro di un Digital strategist o di un social media manager ed in cui si fa fatica a pensare di dover destinare un budget per la consulenza ed uno per delle campagne a pagamento.

Quanto è importante oggi investire in campagne digitali?

I costi di una campagna pubblicitaria attraverso le piattaforme on-line sono stati relativamente abbattuti, per questo motivo per una piccola attività o per un libero professionista oggi è fondamentale investire in una campagna digitale, proprio perché a costi ridotti si riesce a veicolare il brand con una forza molto più incisiva e in maniera chirurgica, una campagna digitale non è minimamente paragonabile ad una tradizionale (cartellonistica, flyer, volantinaggio fino ad arrivare alla tv ad esempio)

È possibile iniziare con piccoli budget in piccole finestre temporali, i primi dieci giorni del mese ad esempio, variando di mese in mese il tipo di pubblico destinatario degli annunci (estendere il raggio geografico, il range di età, etc) con qualche piccolo particolare in più o in meno, sino a raggiungere il proprio pubblico a seguito dell’analisi dei risultati. Una volta trovata la giusta alchimia tra pubblico, contenuto e messaggio è possibile procedere con investimenti più corposi ma assolutamente mirati, per poi procedere con un nuovo monitoraggio.

Gli errori più frequenti e comuni che si fanno oggi sono quelli di evitare di investire in campagne sponsorizzate ma soprattuto cimentarsi da soli con improbabili foto e testi, sottovalutando l’importanza della pubblicità, l’anima del commercio.