I social network vanno pazzi per i messaggi privati, ecco perché

snapchat la chat privata

I messaggi privati diventano il fronte sui cui si combatte la battaglia per la conquista di nuovi utenti, che abbandonano i vari wall, timeline etc, per avere un po’ più di intimità

La messaggistica privata ha catturato l’attenzione dei più popolari social network negli ultimi due mesi e, sorprendentemente, questa spinta tra le aziende tech può avere una forza propulsiva non molto “tecnica”. La caratteristica che aggiunge un po’ di privacy per piattaforme sociali che prosperano sulla trasparenza è stato un punto di enfasi da ottobre per Twitter, Facebook, e più in particolare Instagram. Altri servizi di messaggistica privati ​​come WhatsApp, Kik, e anche Snapchat hanno avuto il loro gran bel da fare inviando un chiaro messaggio agli utenti: le interazioni private sono necessarie, anche in un mondo in cui la condivisione pubblica domina.

Le relazioni social sono state discutibilmente influenzate dal “Numero di Dunbar”, che sostiene che gli esseri umani sono in grado di avere fino a 150 relazioni sociali significative in una sola volta. E’ inevitabile, allora, che quando gli utenti raccolgono centinaia, se non migliaia di amici o seguaci su piattaforme come Facebook e Instagram, la necessità è quella di avere più intimità e quindi di utilizzare messaggi privati.

Emiliana Simon-Thomas è il direttore scientifico presso il Greater Good Science Center presso la University of California, Berkeley; la Simon- Thomas un neuroscienziato, ha trascorso anni a studiare le emozioni umane e le interazioni sociali, e addirittura lavora come consulente per Facebook, contribuendo a studiare come gli utenti reagiscono ai contenuto del News Feed. Simon-Thomas non crede che il “Numero di Dunbar” serva come vangelo quando si parla di collegamenti sui social network. Il limite di 150-amici non si applica necessariamente quando si tratta di connessioni social media, dice, ma sostiene che questo aumento di messaggistica privata ha a che fare più con la necessità di collaborazioni più intime e gruppi, che non è la modalità di fruizione in cui molti social network operano nella loro forma più elementare.

“Ovviamente, la maggior parte delle persone ha più di 150 contatti su Facebook: immaginate che ogni volta che si è detto qualcosa, invece di essere detto alle persone che sono vicino a noi nello stesso spazio fisico, è stato trasmesso per un raggio di centinaia di metri o qualche km; pensate quanto sarebbe per voi più difficile avere una comunità e delle relazioni”.

Nirav Tolia, CEO di Nextdoor che fornisce una rete sociale più intima limitata per quartiere, paragona il fenomeno a una festa; ciascuna parte ha la dimensione perfetta a seconda del suo scopo. Non si può pretendere che 100 persone frequentino una cena privata. C’è una soglia per ogni incontro, e una volta che quella soglia è oltrepassata costringe gli ospiti a separarsi in piccoli gruppi. Sui social media, questa ” dimensione-festa” ha a che fare con la dimensione del pubblico di riferimento ovvero se un utente sta trasmettendo qualcosa a un vasto pubblico o ad un gruppo più piccolo (narrowcasting). “Esiste questa relazione molto comune che si verifica nel mondo, si tende sempre a semplificare il flusso di comunicazione in sezioni più piccole “, proprio per questo Nextdoor limita la dimensione sociale a quella di quartiere.

Attraverso la rete “C’è grande utilità per la trasmissione dei propri contenuti, ma che utilità può derivare dalla dispersione del messaggio se la lista amici o  follower supera una certa dimensione?”Nextdoor

Questa necessità intrinseca di intimità, tra gli altri fattori, unita alla popolarità dei dispositivi mobili, spiega il perché la messaggistica privata è diventata così popolare in così breve tempo.
Appena due giorni prima di Instagram Direct, lanciato ai primi di dicembre, Twitter ha aggiornato la sua funzione di messaggistica per consentire agli utenti di inviare privatamente foto. Facebook ha invece ridisegnato completamente la sua app di messaggistica standalone Messenger, alla fine di ottobre WhatsApp, l’altra applicazione di messaggistica privata gratuita, ha annunciato la scorsa settimana che la società ha 400 milioni di utenti attivi, oltre 150 milioni in più rispetto Twitter.

Nel caso di Instagram, la necessità per la messaggistica privata era nettamente prevalente, la frase ” Kik me” – o meglio, #kikme – ad esempio è un invito a chiacchierare, ed è molto popolare per gli utenti di Instagram. ( Una semplice ricerca per # kikme rivela quasi 11 milioni di foto che contengono l’hashtag).