Dritti al cuore, l’esempio Sanders

Barack Obama ha fatto storia e scuola come il primo candidato presidenziale a sfruttare i social media nella strategia per la sua campagna elettorale.

La sua squadra aveva già capito cosa significasse il coinvolgimento degli utenti ed hanno implementato la classica strategia elettorale affiancandone una online attraverso i social network per raggiungere l’obiettivo.

“Yes We Can” lo slogan scelto, ha guadagnato trazione, più che chiunque altro (compreso lo stesso Obama) avrebbe potuto prevedere. Non solo lui e il suo team hanno scelto di utilizzare i social media per vincere la presidenza, ma hanno continuato a mantenere una presenza online costante durante la permanenza in carica. Il suo account Twitter (con alcuni tweets in particolare) lo ha aiutato a mantenere gran parte dell’attenzione e del sostegno della “generazione social”.

Come uno dei presidenti più giovani nella storia recente, sembra scontato che Obama avrebbe sfruttato appieno le opportunità offerte dai social media, ma come candidato di 74 anni, Bernie Sanders non è il primo che ti viene in mente quando pensi ad un appassionato di social media. Nonostante la sua età e tutti i preconcetti che possiamo avere in merito alla correlazione tra età e le capacità di sfruttare i social media, Bernie e la sua squadra hanno già utilizzato i social media in modo organico e brillante. Il punto non è vincere soltanto, il punto è creare il famoso “sentiment” Sanders ci è riuscito, recuperando sui preconcetti legati alla sua età, attraverso i social network ha parlato dritto al cuore degli americani diversamente da Trump che ha “venduto” il cuore agli americani.

Facebook, Twitter, Bernie era ovunque, così è cominciato il percorso dei tanti americani che hanno iniziato a seguire il #FeelTheBern. Tanti esperti hanno scoperto che i post di Bernie Sanders andavano contro ogni regola delle “Bibbie di comunicazione sui social”, in termini di come e perché hanno successo. “[Bernie] può inviare un post citando un grafico o un testo molto lungo sullo status di Facebook, e scombussola qualsiasi regola, persino gli algoritmi di Facebook”, ha dichiarato Laura Olin, che è stata a capo della strategia social della campagna elettorale di Obama nel 2012.

Nell’immagine che segue vi è una infografica sulle percentuali di utilizzo dell’hashtag #IowaCaucus da parte dei candidati

 

strategia social trump sanders

I suoi messaggi hanno avuto costantemente performance migliori rispetto Hillary. Perché? Uno motivo sopra tutti, li scrive lui stesso di suo pugno. Quali sono i tweets più amati di Obama? Quelli con la firma “-BO”  alla fine naturalmente, perché sappiamo che ha digitato quelle parole in persona, è bello sentire come un presidente sia “uno di noi”.

“Di solito, è sotto la doccia il  momento in cui qualcosa compare nella mia testa”Bernie Sanders

aggiungendo: “Interpreto un ruolo molto, molto attivo in forma scritta, letteralmente la scrittura, è ciò di cui vivo su Facebook “.
L’approccio autentico di Bernie sui social media ha portato anche ad un aumento del sostegno finanziario per la sua campagna, alla fine di settembre 2015, aveva raggiunto 1 milione di singole donazioni solo online; è stato il primo candidato 2016 a raggiungere questa cifra. Hillary ad esempio ha ricevuto molte critiche sostanziali per la grande quantità di donazioni aziendali, il sostegno a Bernie invece è stato esattamente l’opposto.

Il vero punto è che se una campagna elettorale è povera di contenuti, lo è perché i suoi candidati lo sono, senza argomenti non resta che “vendere” se stessi come un prodotto, come già detto vincere una elezione non è tutto, arrivare al cuore delle persone è il massimo, creare un seguito significa porre le basi di un movimento con delle idee precise, e le idee non muoiono.