Alessio Scicolone Alessio Scicolone

All articles by Alessio Scicolone

 

Personal branding: essere macellai oggi

Il personal branding oggi può davvero rappresentare la svolta per alcune professioni, soprattutto nella piccola imprenditoria. Il tempo in cui il contesto locale era caratterizzato soltanto dalla classica price competition è ormai alle spalle, oggi il consumatore è più che mai alla ricerca di un esperto che possa aiutarlo nella scelta di un prodotto migliore. Dal punto di vista del consumatore comporta sicuramente una competizione in meglio, dal punto di vista del piccolo imprenditore questo è sicuramente un profondo cambiamento di paradigma, da semplice “venditore” a esperto del settore. Molti titolari di piccole attività ancora oggi sottovalutano il potere della rete nella costruzione della percezione, ma soprattutto del proprio personal digital packaging. Da macellaio a star, ma prima di tutto macellaio. I profondi cambiamenti socio economici hanno quasi fatto scomparire figure quali piccoli macellai ai quali si era abituati a chiedere consigli, sul tipo di carne da utilizzare per una...
Continua a leggere...  

Cosa sono i tag commerciali di Instagram

Instagram ha introdotto una nuova funzione, che molti brand di vendita al dettaglio possono sfruttare: tag commerciali all’interno delle foto prodotto, una nuova esperienza di shopping all’interno dell’applicazione. Tag commerciali Instagram: come funzionano. Questa nuova funzione di Instagram consente di sfruttare i tag che vengono applicati alle foto, a differenza dei tag più comuni, i tag commerciali di instagram offriranno maggiori dettagli sul prodotto; la parte ancora più impressionante è la finestra collegata, che avrà un link di acquisto, reindirizzerà gli utenti sulle pagine prodotto, dove è possibile completare l’acquisto. Questo significa che gli utenti possono acquistare prodotti che vedono su Instagram direttamente attraverso l’applicazione, senza dover cercare quei prodotti in rete. Il vice presidente di Instagram Monetization James Quarles ha dichiarato che il 60% degli Instagrammers scoprono nuovi prodotti e servizi attraverso l’app, mentre il 75% dichiara di intraprendere azioni come visitare siti dei brand, effettuare ricerche sul prodotto...
Continua a leggere...  

Digital marketing day turismo 2016: io c’ero

Ho partecipato al Digital Marketing Day 2016, l’evento dedicato al turismo digitale, per parlare di storytelling e marketing digitale. Il marketing digitale nel turismo Il 25 novembre 2016 ho avuto l’onore e il piacere di essere tra i relatori del DMD 2016, che si è tenuto a San Vincenzo in provincia di Livorno, per parlare di digital marketing nel turismo. Il settore di riferimento, oltre ad essere strategico per l’Italia è fortemente in espansione ma, come purtroppo spesso accade nel nostro paese, vanta un gap importante nella promozione digitale. L’evento è stato dedicato sia alle strutture ricettive (alberghi, B&B, ma anche ristorazione) sia alle istituzioni presenti sul territorio (Comuni, Province e Regioni) che oggi faticano a trovare spazio in un mercato sempre più competitivo a causa della presenza di grandi operatori online o non riescono a cogliere le opportunità offerte sia dal web che dai social media per promuovere la...
Continua a leggere...  

Instagram Marketing: come accrescere la tua community.

Instragram il social network fotografico per eccellenza, e va utilizzato come tale, uno dei primi problemi che affronto spesso è la mancanza di materiale fotografico. Paradossalmente la gestione di questo social richiede un flusso di foto continuo, e spesso il brand non ne fornisce alcuna. Sarebbe opportuno avere foto a disposizione scattate ad hoc, ma in mancanza di queste si può procedere anche con quelle fatte con uno smartphone, purché rappresentino realmente il brand, ma soprattutto raccontino una storia, rappresentino il mood dell’attività. Instragram: prima di cominciare. Prima di iniziare a riempire il profilo aziendale con immagini classiche, con citazioni o innumerevoli selfie è necessario definire il registro del marchio su Instagram. Le immagini devono allinearsi con esso, promuovendo così i valori e la mission. In caso contrario, il rischio è quello di finire con una serie di foto di gattini o neonati, mentre l’azienda si occupa di moda, è...
Continua a leggere...  

Action content cosa sono e come usarli

Una volta stabilita la linea editoriale di un blog o di una pagina/profilo, arriva il momento di convertire i lettori in clienti. Ed è qui che tutto il lavoro fatto sui contenuti dall’inizio si traduce in entrate. Generalmente il “contenuto d’azione” è probabilmente il più semplice da capire per gli utenti e spesso quello che riesce ad intercettare un pubblico maggiore, la cattiva notizia è che può anche essere tra i più difficili da produrre. Una possibile definizione di contenuto d’Azione (action content) potrebbe essere: un contenuto progettato per persuadere l’utente o il lettore a compiere un’azione. Esistono molti esempi di content marketing antecedenti l’era del digitale la Guida Michelin, pubblicata la prima volta nel 1900, è un classico grande esempio di marketing sui contenuti. Il matrimonio tra copywriting e marketing dei contenuti consente di attirare l’attenzione, aumentare il coinvolgimento, e quindi in ultima analisi, convincere qualcuno ad agire. Tipi...
Continua a leggere...  

Dritti al cuore, l’esempio Sanders

Barack Obama ha fatto storia e scuola come il primo candidato presidenziale a sfruttare i social media nella strategia per la sua campagna elettorale. La sua squadra aveva già capito cosa significasse il coinvolgimento degli utenti ed hanno implementato la classica strategia elettorale affiancandone una online attraverso i social network per raggiungere l’obiettivo. “Yes We Can” lo slogan scelto, ha guadagnato trazione, più che chiunque altro (compreso lo stesso Obama) avrebbe potuto prevedere. Non solo lui e il suo team hanno scelto di utilizzare i social media per vincere la presidenza, ma hanno continuato a mantenere una presenza online costante durante la permanenza in carica. Il suo account Twitter (con alcuni tweets in particolare) lo ha aiutato a mantenere gran parte dell’attenzione e del sostegno della “generazione social”. Come uno dei presidenti più giovani nella storia recente, sembra scontato che Obama avrebbe sfruttato appieno le opportunità offerte dai social media, ma come candidato di 74...
Continua a leggere...  

marketing digitale e turismo qualche consiglio

Sempre più viaggiatori utilizzano il proprio account social per trovare nuovi itinerari, nuove destinazioni, ed un “non luogo” condividere le proprie foto con gli amici. Di turismo digitale ne ho già parlato qui vediamo in breve cosa si può fare per massimizzare le opportunità offerte dai social media e raggiungere un pubblico sempre più ampio.Alcuni piccoli e semplici suggerimenti su come promuovere la propria attività legata al turismo attraverso i social media. Trova i visitatori, anche prima del loro arrivo.La maggior parte delle attività nel turismo (ri)trova i propri visitatori solo dopo l’arrivo ​​presso la destinazione, o l’esperienza diretta con l’attività; tuttavia, è possibile costruire un rapporto con i visitatori prima ancora che mettano piede nella struttura. Ideale sarebbe a questo punto creare una campagna (google adwords, Facebook, ma anche email o banner) che li aiuti a trovare risposte precise e semplici su dove alloggiare e magari sui migliori locali...
Continua a leggere...  

La strategia di marketing digitale nella ristorazione.

Avere una strategia chiara di promozione digitale nel settore della ristorazione, degli eventi ed in quello alberghiero è fondamentale. La prima domanda è sicuramente: “Ho una strategia di marketing digitale?” a seguire, che risultati sto ottenendo dalla presenza online? qual è il tasso di conversione in prenotazione tavoli, eventi o camere? Qual è la situazione? La prima cosa da cui bisogna partire per determinare una strategia è la situazione attuale: qual è il pubblico di riferimento? Qual è l’opinione attuale dei clienti? cosa pensano dei servizi offerti? Quanto il target è a conoscenza dei servizi che vengono proposti? Qual è il responso finale? Un modo per determinare tutto questo è una analisi SWOT. Per fare questo è necessario analizzare punti di forza e di debolezza interni e le opportunità e le minacce esterne, da utilizzare come base per l’elaborazione di una strategia. Una volta determinata la chiara fotografia della propria...
Continua a leggere...  

Cosa sono i micro momenti

I micro momenti sono gli step essenziali del ciclo decisionale di un utente (ad es. l’acquisto online) la sfida per le aziende è incidere ed influenzare su di essi. I dispositivi mobile come smartphone e tablet hanno notevolmente cambiato il modo di accedere alle informazioni ogni giorno, il processo di acquisto è quindi sempre meno lineare, ma strutturato sempre più in brevi azioni (“micro-times”). A questo proposito Google ha rilasciato una infografica, che riassume l’argomento. Queste brevi azioni di ricerca sui dispositivi mobili sono determinanti nel nostro modo di acquistare o semplicemente decidere di intraprendere un’azione. Il ciclo di decisione può così spezzarsi in una moltitudine di azioni brevi che possono ramificarsi nel corso del tempo. In queste condizioni, come possiamo incidere e/o influenzare questi momenti chiave? Un consumatore si aspetta da un brand una risposta immediata a queste attese, ecco i 4 principali micro momenti (“bisogni”) dei consumatori. Momenti I-want-to-know: il 65% dei consumatori online sono ancora...
Continua a leggere...  

Mappa del percorso del paziente tramite la “narrazione social”

L’età sociale digitale di oggi rappresenta un’opportunità incredibile per l’industria farmaceutica e sanitaria. Per anni, la ricerca per capire l’evoluzione delle esigenze dei pazienti, al fine di allineare e affrontarle è stata in prima linea ed un asset strategico di valore per l’assistenza sanitaria, oggi le dinamiche digitali hanno completamente spostato nell’ “età sociale” l’attenzione del mondo farmaceutico, con milioni di pazienti che ogni giorno trasmettono le loro esperienze, reazioni, comportamenti, decisioni e atteggiamenti in merito alle loro condizioni, i trattamenti e i farmaci, una ricchezza incredibile a disposizione. In questo scenario, però, la sfida ancora da cogliere, soprattutto in Italia, è l’analisi, vi è una mancanza di visione dettagliata su uno tsunami di informazioni in tempo reale. Mentre la società va verso digitalizzazione sempre più a 360°, i progressi tecnologici, soprattutto attraverso i dispositivi mobile e wear, hanno trasformato il modo di lavorare, imparare, comunicare e condividere. I consumatori oggi, condividono liberamente le proprie opinioni ed esperienze sui social network, blog, micro-blog, bacheche,...
Continua a leggere...  

Medici e farmacisti hanno bisogno dei Millennial

Generazioni a confronto, baby boomer e millennials stanno modificando l’approccio alla domanda sanitaria, in un paese in cui il digital divide è ancora molto forte. I Baby boomer sono i maggiori “consumatori” di assistenza sanitaria in questo momento, ma non sono ancora la generazione più grande demograficamente, i Millennials li hanno superati diventando la più grande generazione attuale, il che significa che sia il settore sanitario sia quello farmaceutico hanno bisogno di adeguare il proprio approccio alla sensibilizzazione del paziente. Gli investimenti in spot televisivi sono un ottimo modo per raggiungere un target di pazienti più anziani, ma la connessione con i Millennials richiede una trasformazione e trasposizione digitale nel modo in cui aziende, operatori sanitari, medici e farmacisti vogliono comunicare con le generazioni più giovani. Anche la apple nel recente keynote ha accentuato la direzione dello sviluppo di app per apple watch nel settore healthcare con la presentazione di Airstrip. app con funzionalità dedicate alle...
Continua a leggere...  

Il Digital Marketing sta trasformando l’industria del turismo

Il marketing digitale nel settore del turismo oggi è uno strumento fondamentale per le agenzie, ma non necessariamente costoso. L’esperienza della vacanza tradizionale è stata rapidamente sostituita con la trasformazione digitale dell’industria del turismo, attraverso l’aumento dell’uso di internet e del mobile, trasformando il viaggiatore tradizionale in un “traveller” sempre collegato. Gli ultimi dati indicano che il 59% di chi viaggia per lavoro o per piacere utilizza la rete per la ricerca di viaggi online. Turismo digitale il sondaggio di Tripadvisor Secondo il recente sondaggio condotto da Tripadvisor, il 92% dei viaggiatori del Regno Unito cerca recensioni prima di prenotare una vacanza, il mobile ha un grande potere non solo sull’attirare i consumatori verso nuove destinazioni, ma anche un enorme impatto sul modo in cui acquistano, in cui fanno esperienza e parlano della loro vacanza. Turismo digitale: la creazione spontanea della destinazione Tramite il passaparola digitale i consumatori diffondono la propria esperienza attraverso le recensioni, inviando commenti sui...
Continua a leggere...  

Le basi di una strategia di marketing digitale

Una strategia digitale di marketing efficace inizia con conoscere i clienti ed gli obiettivi. Il marketing digitale continua ad espandersi, ed è diventato più importante che mai per le aziende imparare come riuscire a trovare strategie di successo attraverso questo canale. Secondo un rapporto pubblicato da Ascend2, la mancanza di strategie efficaci rimane l’ostacolo più importante per le aziende che vogliono approcciare al marketing digitale. Nel rapporto si evidenzia che il 51% degli intervistati (professionisti del marketing digitale) ha dichiarato che le questioni legate alla strategia hanno impedito loro di raggiungere gli obiettivi delle campagne. Altri ostacoli citati nell’articolo sono i vincoli di bilancio, la mancanza di formazione o esperienza, analisi e metriche inefficaci e l’incapacità di dimostrare il ritorno sugli investimenti. La pianificazione di una strategia di marketing digitale è essenziale per essere un passo avanti la concorrenza, la capacità di un’azienda di prosperare nell’economia di oggi si basa...
Continua a leggere...  

Le cose che non possiedi ti possiedono

In una società in cui è sempre tutto più immateriale il paradosso è che la corsa è sempre più verso il non possesso, ed alla fine ne siamo posseduti. Dalla musica alla nostra memoria, tutto è sempre più cloud, sempre più immateriale, storie virtuali condensate in account sparsi in giro per la rete, c’è stato un tempo in cui si attendeva la pubblicazione dell’ultima fatica di un gruppo rock, per acquistarla, possederla, ascoltarla e con un po’ di fortuna farsela autografare, oggi la musica non si possiede, non si scarica, si ascolta, senza neanche più dover faticare a trovare la propria si va per playlist. La partita dei grandi da tempo si gioca sui big data, sulla collezione delle informazioni che riguardano la vita di una persona, dov’è stato, cosa gli piace, cosa legge, cosa ascolta, perché è da queste informazioni che è possibile prevedere dove andrà, cosa potrebbe piacere...
Continua a leggere...  

Selfie: individualismo iperconnesso

Il rapporto tra l’individuo ed internet nel corso del tempo si è evoluto ad un livello che oggi l’essere in rete viene percepito come un bisogno, e questo i brand hanno imparato a sfruttarlo per fini commerciali con l’aiuto del selfie. L’evoluzione dei social è andata di pari passo con l’inasprirsi dell’individualismo e del personalismo, che si è liberato nel corso degli anni spezzando le catene del confronto con la società che contribuivano a mantenere un certo equilibrio; l’espressione massima di questo processo, giunto ad una delle sue massime radicalizzazioni è il selfie, una forma di presenzialismo social che già nel nome esclude un rapporto con la società, ed eleva a totem il rapporto con se stessi e con la propria immagine. L’individualismo crescente nelle rappresentazioni “istantanee” ha connotato gli utenti come Testimonial iperconnessi che i brand hanno prontamente raccolto e accolto, rappresentando un potenziale bacino pubblicitario gratuito al quale affidare...
Continua a leggere...  

Spiacente, Facebook: Snapchat ancora il più popolare tra i giovani

Vi siete mai chiesti perché Facebook continua a cercare avere la propria versione di Snapchat? Un nuovo studio  condotto tra gli studenti dei college americani suggerisce che Snapchat è molto più utilizzato di Facebook. Dallo studio è emerso che il 70% degli studenti universitari dichiara di utilizzare Snapchat almeno una volta al giorno, solo l’11% riferisce di postare su Facebook con la stessa frequenza. Sumpto, una società di marketing con sede a New York che aiuta i brand ad entrare in contatto con studenti universitari, ha condotto lo studio ed interrogato quasi 2.000 studenti universitari in centinaia di campus negli Stati Uniti. Risultato?  Snapchat domina nei campus universitari. Gli studenti hanno riferito che Snapchat è la loro app più frequentemente utilizzata, il 70%  segnala che viene utilizzata  una o più volte al giorno. Anche Twitter ha avuto un elevato interesse – il 46% degli intervistati ha riferito di pubblicare contenuti su Twitter, almeno una volta al...
Continua a leggere...  

Social media e terrorismo il paradosso dell’Occidente

Provate a pensare come un terrorista per un secondo, vi sarebbe utile poter utilizzare gratuitamente un satellite? Certo! Bene, “Ora pensate a Google Earth! Infatti, è stato Google Earth che i membri del gruppo terroristico Lashkar-e-Tayyiba hanno utilizzato per pianificare l’attacco terroristico di Mumbai nel 2008 che ha ucciso più di 150 persone, sostiene Weimann, uno dei principali studiosi di terrorismo e dei media. Gli aggressori hanno usato le imagini satellitari per memorizzare punti di riferimento, aiutandosi a coordinare meglio ed effettuare la serie di sparatorie e bombardamenti. I gruppi terroristici di tutto il mondo hanno rapidamente imparato a manipolare il Web e i social media, un’invenzione dell’Occidente contro l’Occidente, rimodellando la guerra al terrorismo. Weimann, ricercatore presso il Woodrow Wilson Center e professore all’Università di Haifa in Israele, ha studiato il rapporto tra terrorismo e mass media fin dai primi giorni di Internet e ha appena pubblicato un nuovo...
Continua a leggere...  

Work!

...
Continua a leggere...  

Heartbleed la lista dei siti colpiti

Heartbleed: la lista completa dei siti colpiti dal bug Heartbleed e quelli per cui bisogna cambiare subito la password di accesso. Social Networks Affetto? C’è una patch? Devi cambiare password? Cosa hanno risposto? Facebook non è chiaro SI SI “Abbiamo aggiunto le protezioni per la risoluzione prima che il problema fosse divulgato pubblicamente . Non abbiamo rilevato alcun segno di attività sospette, ma raccomandiamo di reimpostare una password univoca.” Instagram SI SI SI “Il nostro team di sicurezza ha lavorato rapidamente su una correzione e non abbiamo alcuna riscontro di account corrotti. Questo evento ha influenzato molti servizi attraverso web, si consiglia di aggiornare la password su Instagram e altri siti, in particolare se si utilizza la stessa password su più siti .” LinkedIn No No No “Non abbiamo usato l’attuazione per infrazione di OpenSSL in www.linkedin.com o www.slideshare.net . Come risultato, HeartBleed non presenta un rischio per questi servizi.”...
Continua a leggere...  

Tempi duri per i fotografi, l’e-commerce si fa social

Le immagini presenti nelle pagine prodotto degli store online si fanno sempre più social, sempre più brand adottano le foto degli utenti. In un mondo sempre più filtrato attraverso Instagram, un servizio fotografico curato e professionale comincia ad essere datato, ecco perché le aziende si stanno attrezzando con il crowdsourcing attraverso la raccolta del flusso delle foto dei loro prodotti dalle piattaforme social, per contribuire a vendere di tutto, dai divani West Elm alle borse Coach. Le foto sono in genere organizzate in gallery in cui ogni immagine è legata a una pagina di vendita del prodotto, sempre più spesso, le immagini amatoriali vengono mostrate direttamente sulle pagine dei prodotti accanto a quelle professionali; “Il percorso di acquisto si è evoluto enormemente, e i consumatori sono molto più propensi a fidarsi dei loro coetanei per l’acquisto dei prodotti di un brand”, dichiara Mimi Banks direttore dei social media di l’Oreal Lancome....
Continua a leggere...  

Facebook è morto e sepolto

I media hanno le idee abbastanza chiare: i ragazzi (per la maggior parte adolescenti) stanno abbandonando Facebook, oppure iniziano ad utilizzarlo sempre meno. Lo sport nazionale dei media è ormaiFacebook è morto”. Una buona porzione di media caldeggia l’equazione “meno adolescenti su facebook=facebook ha un gravissimo problema.” L’ultimo allarme è scattato quando The Guardian ha pubblicato un articolo citando Daniel Miller, (un antropologo nel Regno Unito) che ha dichiarato Facebook “morto e sepolto tra gli adolescenti”. I media di tutto il mondo si sono scatenati, alcuni puntando il dito contro la scala piuttosto limitata dello studio ad esempio, Miller ha subito replicato che il post sul blog, base per l’articolo del Guardian, è stato pensato per essere un piccolo studio sugli adolescenti nel Regno Unito e non il riflesso delle tendenze più ampie. Raccontare il declino di Facebook tra gli adolescenti – e quindi la morte del suo essere di tendenza – è diventato...
Continua a leggere...  

I social network vanno pazzi per i messaggi privati, ecco perché

I messaggi privati diventano il fronte sui cui si combatte la battaglia per la conquista di nuovi utenti, che abbandonano i vari wall, timeline etc, per avere un po’ più di intimità La messaggistica privata ha catturato l’attenzione dei più popolari social network negli ultimi due mesi e, sorprendentemente, questa spinta tra le aziende tech può avere una forza propulsiva non molto “tecnica”. La caratteristica che aggiunge un po’ di privacy per piattaforme sociali che prosperano sulla trasparenza è stato un punto di enfasi da ottobre per Twitter, Facebook, e più in particolare Instagram. Altri servizi di messaggistica privati ​​come WhatsApp, Kik, e anche Snapchat hanno avuto il loro gran bel da fare inviando un chiaro messaggio agli utenti: le interazioni private sono necessarie, anche in un mondo in cui la condivisione pubblica domina. Le relazioni social sono state discutibilmente influenzate dal “Numero di Dunbar”, che sostiene che gli esseri umani...
Continua a leggere...  

Web Tax la miopia digitale italiana

web tax il sintomo della miopia Italiana La web tax (o google tax) è diventata in pochi giorni il simbolo della battaglia contro i soprusi dei vari cattivi colossi del web tra cui google (il principale motore di ricerca che notoriamente odiato da tutti gli italiani compresi i politici che vi si fanno pubblicità) ed amazon (il cattivissimo e convenientissimo store online dove gli italiani odiano fare acquisti). A ben guardare in questo paese il vero gap digitale è un problema squisitamente politico, la classe dirigente negli anni non è riuscita (perché non ne ha le competenze) a cogliere le opportunità offerte dall’economia della rete. Si parla ossessivamente di evasione fiscale da combattere e non si fa nulla per contrastarla, il gioco è molto semplice, stanare 1000 evasori ad esempio implicherebbe la messa in moto dei controlli seri ed approfonditi (ricordate Cortina? i controlli erano un danno all’economia del turismo)...
Continua a leggere...  

Enel guerrieri – storytelling senza parole

ENEL guerrieri la campagna di storytelling che lascia senza parole La campagna ENEL guerrieri aveva già suscitato qualche perplessità durante il primo passaggio, andando a toccare un tema come quello del lavoro, che in Italia negli ultimi tempi è sempre più sentito ed escludendo coloro che “ogni giorno si battono” per un posto di lavoro in Italia (non sono forse guerrieri?). L’ultimo passaggio televisivo riguarda le battaglie, quelle sociali in un periodo in cui le proteste nel nostro paese montano ogni giorno. Avevo già trovato abbastanza di cattivo gusto la prima, con la seconda o sono sfortunati sui tempi oppure sono fin troppo cinici nel cavalcare il malcontento nazionale in questo recente articolo de la Repubblica si illustrano i dati della “deprivazione”: L’aumento della severa deprivazione, rispetto al 2011, è determinato dalla più elevata quota di individui in famiglie che non possono permettersi durante l’anno una settimana di ferie lontano...
Continua a leggere...  

PharmaDigitalDay – 2013

Il PharmaDigitalDay 2013 si terrà a Pisa e sarà un evento interamente dedicato alle nuove frontiere del marketing e della comunicazione in ambito digitale . I nuovi canali della comunicazione offrono sempre più soluzioni per la visibilità e la promozione del settore farmaceutico che sembra iniziare a recepire il cambiamento e le evoluzioni di internet e dei nuovi media. Quali sono i nuovi scenari, quali le possibili azioni da intraprendere? I brand farmaceutici nazionali non sono ancora pienamente aperti al social ed alle nuove tecnologie, l’incontro ha l’intento di fare un punto della situazione con spunti e riflessioni da mettere in campo nel 2014 per saggiare le potenzialità del web e del digital marketing. Verranno affrontate le tematiche relative ai social network ed al rapporto con il settore farmaceutico, passando per l’universo dei blog sino alle app mobile. Partecipa L’evento verrà ospitato presso il TAG di Pisa  ...
Continua a leggere...  

Il Sindaco virtuale e la politica 2.0 – Caserta

Caro Sindaco, da buon cittadino seguo i suoi aggiornamenti dalla fanpage, ricca di post che contengono gli appuntamenti, i successi della sua amministrazione, i fasti della sua azione nell’ambito del governo cittadino. Mi piace proprio questa Caserta che lei descrive piena di cultura (motivo per il quale abbiamo avuto la candidatura a capitale della stessa), a misura di bambino e di anziano, in continua evoluzione tecnologica (il poderoso occhio digitale attraverso il quale un newyorkese, un finlandese, un giapponese possono ammirare tutto il ben di Dio della Reggia, e fortunatamente non tutto quello che c’è intorno e dietro, il Signore benedica gli strateghi della webcam!), l’hotspot wifi cittadino che i bimbi prendono a pallonate per la contentezza, “evviva finalmente abbiamo il wifi!!” e booom via una cannonata, ora le risate dei bimbi(m****a) riecheggiano in città, insomma una città 2.0.1(beta) tutta da vivere. Vorrei approfondire sempre di più, riuscire a leggere...
Continua a leggere...  

Twitter e la guerra a Storify

Twitter ha annunciato una nuova funzionalità: la timeline personalizzata all’interno di TweetDeck, dichiarando apertamente guerra a Storify gli utenti saranno in grado di ordinare i tweet e organizzarli in gruppi o categorie specifici all’interno della dashboard. La nuova funzionalità permette di creare ed ordinare una serie di tweet che appartengono allo stesso argomento, in modo tale da creare un flusso di informazioni coerente. TweetDeck permetterà agli utenti di entrare in contatto con i gruppi, tra cui raccolte di tweet umoristici ad esempio, che desiderano condividere con gli amici una raccolta di tweet su un evento o una notizia che i giornalisti possono incorporare in una vera e propria storia. Tuttavia se si sceglie di utilizzare la nuova funzione è necessario sapere come costruire la propria timeline personalizzata, ecco come funziona: Bisogna accedere a TweetDeck e cercare l’icona ” + ” sul lato sinistro della schermata Home principale Fare clic sul pulsante...
Continua a leggere...  

Instagram e lo spirito del tempo

Quando lo spirito della rivoluzione ha spezzato l’intero l’Egitto nel 2011, un fotografo dilettante ha messo da parte i suoi studi e si è diretto a piazza Tahrir armato di macchina fotografica. E’ stato l’inizio di grandi cambiamenti sia per la sua carriera che per il suo paese. Mosa’ab Elshamy ora 23enne ha reso testimonianza alla lotta armata in corso dall’ascesa alla caduta del primo presidente eletto democraticamente in Egitto. Attraverso la fotografia (Elshamy usa una Canon EOS 60D) ha documentato questo periodo della storia del suo paese con incredibile coerenza e profondità emotiva: “Fatti di rilievo che in realtà non dovrebbero mai essere presi alla leggera – una persona che viene uccisa da un’altra persona – diventano molto personali.” Molti hanno giustamente accreditato ai social media il contributo più importante alla rivoluzione egiziana e più in generale alla primavera araba. Ma sono individui come Elshamy che hanno rischiato la...
Continua a leggere...  

Lo storytelling: il caso degli esseri umani

Un’ idea molto semplice: scattate una foto di qualcuno per strada, e raccontate una storia autentica di vita quotidiana. L’ idea nasce da humansofnewyork, la pagina di Facebook creata da Brandon Stanton nel 2010. Da allora, ” Gli esseri umani” di tutto il mondo spuntano on-line. Ogni raccolta accoglie di più di 50.000 foto, e “Gli esseri umani di “Roma, Amsterdam, Karachi, Teheran e l’India sono i principali esempi di siti sul modello HONY; la maggior parte dei siti di mostra il lavoro di fotografi emergenti, che documentano le loro città natali . “Gli esseri umani di New York mi ha ispirato, dandomi il coraggio di fare una cosa che ho sempre voluto fare, mi ha fatto pensare: “se qualcuno ha fatto, che significa che è possibile”, ha detto Marco Massa fondatore di Gli esseri umani diRoma Umani che fotografa tutte le immagini presenti sulla pagina; Debra Barraud, fondatrice degli esseri umani...
Continua a leggere...  

Google mette a disposizione maps per i dispersi delle Filippine

Google ha lanciato diversi strumenti  per le persone colpite dal Super Tifone Haiyan, una delle tempeste più forti in assoluto che ha devastato città e villaggi in tutte le Filippine centrali, lasciando già un numero ipotetico di 10.000 morti in una sola città e più di 600.000 sfollati; durante il fine settimana, si è indebolito a livello di forte tempesta tropicale e ha colpito il nord del Vietnam . Le risorse messe in campo da Google sono un “cercatore di persone” per aiutare a conoscere lo stato di una persona colpita dal disastro. Gli utenti possono fare clic su ” Sto cercando qualcuno” ed inserire un nome, chi ha le informazioni personali può cliccare su “Ho informazioni su qualcuno” ed inserire i dati. Lo strumento è disponibile anche sui telefoni cellulari, gli abbonati Globe  possono utilizzare per l’invio di SMS un numero telefonico digitando “Ricerca”, seguito dal nome della persona. Google...
Continua a leggere...  

Google Hummingbird: il nuovo algoritmo

Panda e Penguin sono stati aggiornamenti che hanno modificato parte dell’algoritmo, ma Hummingbird ha sostituito il vecchio ed è il più grande cambiamento in 3 anni. Non è solo un importante aggiornamento, è una totale revisione. Hummingbird mira ad ottenere risultati che sono precisi e veloci Google ha confermato che il nuovo algoritmo si concentra su informazioni di posizionamento sulla base di richieste di ricerca più intelligenti e reali . Insomma, Google è sempre più intelligente ed è ora in grado di comprendere le relazioni e la rilevanza di parole e frasi, invece che considerarle solo una serie di singole parole. Hummingbird colpo d’occhio Molte delle regole e le ponderazioni esistenti rimangono in vigore, quindi non smettete di fare quello che state facendo! Un consistente 90% di tutte le ricerche sono suscettibili di essere colpite da Hummingbird anche se la reale misura e portata dei suoi effetti è attualmente sconosciuta Conosciuta...
Continua a leggere...  

Mixing

...
Continua a leggere...  

Zen feed

Provato zenfeed e devo dire è veramente intuitivo, dopo una rapida importazione degli rss da Google Reader è piacevole da navigare e sfogliare. L’idea di avere un social rss reader è ottima anche se per il momento è una versione alpha è ben strutturato!...
Continua a leggere...  

Letture

...
Continua a leggere...  

Crisis Management, il caso Costa

Da giorni la fan page della Costa è assediata da commenti e richieste di chiarezza e onde evitare il caos mediatico che ha caratterizzato la vicenda della Costa Concordia e del capitano Schettino l’azienda è molto prolifica sul piano degli aggiornamenti della pagina. Il punto è che molti lasciano commenti ai vari post in merito alla Costa Allegra ma a nessuno viene data una risposta o un semplice feedback su quanto scrivono, diffondere note aziendali sulla efficienza della sicurezza bordo va bene, ma molti in procinto di partire s’interrogano sullo stato attuale della flotta. In questi casi stabilere un rapporto personale con quanti scrivono è fondamentale, aumenta il tasso di fiducia  nell’azienda anche perché un comunicato difficilmente soddisfa tutte le richieste. Metaforicamente la Costa in queste vicende come quella della Costa Allegra sembra un colosso alla deriva dotato di sistemi di comunicazione all’avanguardia ma che non riesce a dare un’immagine “umana”...
Continua a leggere...  

La rivincita del cancelletto

Il cancelletto oggi può valere tantissimo in termini economici e d’immagine, riuscire a fa entrare il proprio brand tra ti trendtopic significa aprire le porte a milioni di visitatori e quindi potenziali clienti. Da simbolo snobbato della tastiera dei cellulari il “#” è diventato il costruttore del senso della generazione di twitter, un cantore di storie, rivoluzioni, disastri, eventi, e della società selettiva in cui è ormai protagonista. Basta pensare che affiora sempre di più anche in televisione, i programmi televisivi utilizzano l’hashtag in “sovraimpressione” da qualche tempo, altri ascoltano la voce del popolo tramite twitter; insomma facebook e compagnia non sono stati in grado di risultare rapidi e fruibili, soprattutto incisivi. Se la sintesi è un’arte, il # ne è l’artista indiscusso, è un braccio alzato ad indicare la propria volontà di far parte di quella discussione, strano a dirsi ma su twitter è raro trovare contenuti di basso...
Continua a leggere...  

Intervista al Senatore Li Gotti

In basso trovate l’intervista che il Senatore Luigi Li Gotti, con cui, dopo averlo trovato con grande piacere tra i miei follower, ho avviato uno scambio di opinioni incanalando la mia curiosità in una intervista che mi ha concesso. Ringrazio il Senatore Li Gotti che con gran pazienza e disponibilità ha accettato di voler rispondere alle mie domande, consiglio a tutti di seguirlo su twitter, è uno tra i politici più attivi, e con un uso molto intelligente della piattaforma. Qual’è il suo rapporto con i nuovi media, dai social network ad internet? La mia è una scoperta recente., diffidente all’inizio, coinvolto sempre più, man mano comunicando. In che modo i nuovi media hanno cambiato la politica? La politica è ormai costretta a confrontarsi con le nuove forme di comunicazione diretta, in un confronto immediato con i cittadini. In che modo colmare il digital divide può aiutare la politica e...
Continua a leggere...  

Social Consumer Support.

Per le aziende la tendenza degli gli ultimi 3/4 anni è stata di cercare di sfruttare i social media come strumento di broadcasting. Molti (la maggior parte) tendono a vedere i social media come luogo per postare i loro messaggi ai potenziali clienti nella speranza di aprire il rubinetto dei social media che sfiora un miliardo di persone in tutto il mondo. La promessa dei social media per le imprese, specie quelle locali, è stata vista solo da una piccola percentuale. La maggior parte, non sono certe che i loro sforzi stiano andando da qualche parte. In molti casi, è così. Le persone non visitano Facebook o Twitter per vedere ciò che vogliono acquistare o che servizi utilizzare. Sono lì per divertirsi, in altre parole, non vogliono sentir parlare di marketing; se e quando sono pronti a interagire con un brand attraverso i social media, è perché hanno domande o necessità...
Continua a leggere...  

Politica e new media

Questa settimana sarò ospite di questo incontro presso la Feltrinelli di Caserta: Politica e new media Caserta, venerdì 10 febbraio 2012 h 17,30 Sala La Feltrinelli – Corso Trieste 154 Intervengono Lucia Esposito Pio Del Gaudio Carlo Marino Alessio Scicolone Modera Piero Rossano In collaborazione con La Feltrinelli AISLo – Associazione Italiana Incontri e Studi sullo Sviluppo Locale Associazione Carta 48 Il Casertano...
Continua a leggere...  

google schemer

Da poco schemer è operativo in fase beta, la nuova piattaforma di Big G è una sorta di agenda personale condivisa e schematizzata per categorie. Google espande il concetto di “evento facebook” per offrire un servizio in cui si possono creare cose da fare e condividerle con le persone che sono nelle proprie cerchie, man mano il grande social network planetario prende forma. Gli utenti possono cercare in base ad interessi specifici, agli amici o alla località, non è esclusa la possibilità, (ed in basso in effetti compaiono già i brand parter con i relativi eventi) di eventi sponsorizzati per la promozione dei brand o dei prodotti; l’introduzione di questo nuovo servizio da parte di google accentua ulteriormente “l’accerchiamento” di facebook che si vede ancora una volta ridotto ad una parte di internet, mentre Big G espande i suoi prodotti a livello globale. Schemer rende pubbliche tutte le cose che...
Continua a leggere...  

le conversazioni sono il futuro

Le domande non sono il problema. Le domande sono una parte importante per stabilire una conversazione. Ciò che è fondamentale nelle vendite e che sta creando significativi cambiamenti, sono le conversazioni ad alto impatto con i clienti. Quelle conversazioni sono uno scambio di informazioni, idee, opinioni e punti di vista. E ‘attraverso le conversazioni che ci connettiamo e coinvolgiamo i nostri clienti, (e altri). Durante una riunione di team, non pensiamo al mix di domande da porre, pensiamo allo scopo della riunione, la discussione che dobbiamo affrontare, e come raggiungere il nostro obiettivo. Allora perché non trattiamo la richiesta del cliente in modo diverso? Perché non ci siamo concentrati sulla qualità della conversazione? Perché non guardiamo al modo in cui coinvolgere il cliente nel parlare di qualcosa di significativo nel raggiungimento dei loro obiettivi? Perché non cominciare a pensare alla conversazione e non solo le domande. Le conversazioni sono piene di ogni sorta di cose: sono...
Continua a leggere...  

google currents

Google lancia currents un’app che permette di sfogliare i contenuti desiderati, dai blog ai magazine sfogliabili, consentendo anche di seguire i trends del momento ossia gli articoli più letti e più condivisi. Una mossa importante ed intelligente che rafforza il ruolo degli utenti come selettori delle notizie e delle informazioni, ovviamente tutto questo ha dei risvolti importanti sull’indicizzazione e sulle stories a pagamento. Big G come sempre è molto attenta e prolifica sul tema dell’informazione on line, un settore in cui gli investimenti (anche in Italia) sono in costante crescita, e che seguono di pari passo le vendite di tablet e smartphone....
Continua a leggere...  

Il nuovo twitter

Twitter Giovedi ha annunciato l’avvio di alcune implementazioni del servizio del tutto simili alle fan page di facebook. L’annuncio, che è stato dato insieme a quello dell’introduzione di una riproggettazione importante di twitter, e amplierà il numero di pagine brand sulla piattaforma. I partner di lancio per le nuove brandpage includono American Express, Best Buy, Bing, Chevrolet, Coca-Cola, Dell, Disney, General Electric, Hewlitt-Packard, Intel, JetBlue, Kia, McDonald, Nike, Pepsi, Staples, Verizon Wireless, NYSE Euronext , Heineken, e Paramount Pictures, in particolare per l’uscita di Mission: Impossible – Ghost Protocol. Secondo un rapporto di Advertising Age, queste nuove brandpage consentono agli inserzionisti di personalizzare le intestazioni di migliorare la visibilità del marchio e delle headline. BlogAdvertising di Twitter rileva inoltre che i marchi possono “controllare le visite uniche che provengono dai promoted tweet” Lo scopo è quello di evidenziare la miglior contenuto, il tweet promosso sulla pagina del profilo brand apparirà automaticamente esteso per permettere ai visitatori di vedere istantaneamente il contenuto foto o video legati ad un tweet. Il nuovo design permette anche ai marchi di rispondere via @ e di citare. L’introduzione delle pagine brand da parte di Twitter , di cui si era diffusa la voce dal mese di...
Continua a leggere...  

LE FRONTIERE DIGITALI DELL’INFORMAZIONE

Entropia, disordine, caos. È così che è nato l’universo, più o meno. Comunicazione, eccesso di immagini, suoni, notizie, eventi in movimento. Digitati adesso, arrivati ancor prima di terminare. Finiti mentre vengono fruiti. Fagocitati e commentati senza neppure appurare se siano realmente accaduti. Messaggi differenziati a casaccio: alcuni nell’umido del dimenticatoio, altri nel multimateriale dei social network. Non è detto che i primi non vengano ripescati, per effetto di uno strano passaparola: quello che in gergo tecnico si chiama linkaggio e in definitiva consiste nell’imitare ciò che si faceva (e forse si fa ancora) muniti di punesse e foglietti per appendere sulle bacheche i propri avvisi al mondo esterno. Le bacheche di internet, però, sono digitali. Basta un click, un minimo di dimestichezza e il gioco è fatto: la notizia arriverà, potenzialmente, a milioni di utenti. Chiunque, senza essere un emulo del cinematografico Robert Redford a caccia di scottanti verità, può...
Continua a leggere...  

Giornalismo, editoria e nuovi media

Questa settimana sarò ospite presso questo evento: GIORNALISMO, EDITORIA E NUOVI MEDIA La Feltrinelli Caserta – Corso Trieste, 154 Le frontiere digitali dell’informazione – Mercoledì 19 ottobre 2011, ore 18:00 L’innovazione tecnologica nei modelli di pubblicazione e fruizione dell’informazione – Enriched news: sul web scorre un flusso ininterrotto di notizie che spesso provoca un sovraccarico informativo difficilmente gestibile. D’altra parte, il quotidiano cartaceo non riesce sempre a soddisfare di chi cerca completezza, coerenza e oggettività dell’informazione. Inchieste e reportage crossmediali – ricchi di testimonianze e contributi audio-video – possono costituire la terza via tra carta e web. – Social readers: non solo attraverso Twitter e Facebook, ma anche grazie a molti servizi web e applicazioni oggi il lettore può interagire con la redazione e commentare tutto quello che legge. La selezione, aggregazione e proposta di contenuti rilevanti per le persone di una community si sta rivelando una delle strategie vincenti...
Continua a leggere...  

frontiere digitali dell’informazione

Mercoledì 19 ottobre sarò alla feltrinelli di Caserta per questo incontro sui nuovi media e il giornalismo, di seguito il programma. L’innovazione tecnologica nei modelli di pubblicazione e fruizione dell’informazione – Enriched news: sul web scorre un flusso ininterrotto di notizie che spesso provoca un sovraccarico informativo difficilmente gestibile. D’altra parte, il quotidiano cartaceo non riesce sempre a soddisfare di chi cerca completezza, coerenza e oggettività dell’informazione. Inchieste e reportage crossmediali – ricchi di testimonianze e contributi audio-video – possono costituire la terza via tra carta e web. – Social readers: non solo attraverso Twitter e Facebook, ma anche grazie a molti servizi web e applicazioni oggi il lettore può interagire con la redazione e commentare tutto quello che legge. La selezione, aggregazione e proposta di contenuti rilevanti per le persone di una community si sta rivelando una delle strategie vincenti per sviluppare un rapporto continuativo con i lettori, creare...
Continua a leggere...  

Google, ecco i profili business

Dopo tre mesi di test il social-network  Google + è finalmente pronto. La settimana scorsa, è stato chiuso programma solo su invito, e Big G ha iniziato a promuovere la sua registrazione dichiarando la rete pronta per le brand page. Alla conferenza digitale Ad Ovest della settimana scorsa, Christian Oestlien, product manager del gruppo per la pubblicità sociale di Google, ha annunciato che è vicino a svelare i profili aziendali Plus che permetteranno alle aziende di creare pagine e cerchie come quelli di un singolo utente del social network. Google infatti stava lavorando alla chiusura dei profili delle società. Diversi sono stati chiusi, compresi quelli per Sesame Street, MTV e Mashable, solo due brand hanno ottenuto il via libera ufficiale per testare le pagine di Google +, Ford e General Motors, che sonoin beta tuttavia diversi profili aziendali non ufficiali sono sorti su Google +, creati dalle aziende. A partire dal fine...
Continua a leggere...  

Armani e foursquare

Giorgio Armani ha lanciato un interessante concorso basato sul checkin di foursquare. Vivi una notte epica e documentala con foursquare, potresti vincere una bottiglia della loro fragranza Code Sport  e partecipare ad un concorso a premi per vincere un viaggio per due a New York. Ogni giorno Armani è alla ricerca del fan con la notte più epica. Ogni checkin tra le 20:00-8:00 è segnato e il concorrente con il maggior numero di punti viene dichiarato vincitore per quella notte. La scala varia da due punti per il checkin in un ristorante a otto punti per il uno in un impianto sportivo a e un cocktail bar. Il vincitore giornaliero vien visualizzato anche sulla pagina di Facebook Armani e ottiene una bottiglia di Sport Armani Code e partecipa al concorso a premi per vincere il viaggio per due a New York City. Il viaggio comprende volo, hotel e albergo di lusso e 2.000 dollari in shopping presso lo store di Armani....
Continua a leggere...  

strategie social

Alcuni semplici accorgimenti di cui tener conto, nel momento in cui ci si accinge ad elaborare una strategia per una campagna su piattaforme social network; in generale, il punto di forza di una campagna vincente è sempre “l’engagement“, il coinvolgimento diretto dei fan tramite materiale (video, foto, etc) oppure domande sul brand/prodotto, etc....
Continua a leggere...  

foodzy il socialfood

All’universo dei social network si aggiunge foodzy, cugino di fourquare che se vogliamo potrebbe anche avere una funzione molto utile, quella di educare all’alimentazione. Foodzy infatti sulla scia del cugino permette di sbloccare dei badge, aggiungendo di volta in volta ciò che si mangia, previsto di 2 profili uno pro e uno lite (quello pro consente di visionare la propria statistica delle abitudini alimentari e di inserire un proprio piano dieta), come in foursquare si ingaggia la competizione con i propri amici in base alla propria alimentazione. L’idea è carina, anche considerando le possibilità lato business, che sicuramente faranno gola a molte attività di ristorazione (vedi starbucks) e del settore del food (sicuramente vedremo molti brand prossimamente)....
Continua a leggere...